RITENGO CHE SIA DOVERE DI CHIUNQUE E A MAGGIOR RAGIONE DI NOI ITALIANI, FARE DI TUTTO PER PROMUOVERE, SALVAGUARDARE E DIVULGARE L'ARTE IN TUTTE LE SUE ESPRESSIONI.
UNA SOCIETA' DISTRATTA SUI FATTI DELL'ARTE E' UNA SOCIETA' VOTATA ALL'IMPOVERIMENTO... E NOI, DA QUESTO PUNTO DI VISTA, LO SIAMO GIA' ABBASTANZA!






Vota questo blog

Siti

sabato 8 novembre 2014

UNA STORIA IN BIANCO Giovanni Maranghi

video


UNA STORIA IN BIANCO 
Giovanni Maranghi

FIRENZE. Giovanni Maranghi torna, dopo anni, ad esporre a Firenze, in quella splendida cornice che ha visto ospitare mostre dei più grandi protagonisti dell’arte del ‘900: 
Palazzo Medici Riccardi.

E lo fa con una mostra dal taglio antologico anche se di fatto non lo è.

Una mostra/racconto, dove Maranghi narra il suo trascorso emotivo ed artistico degli ultimi trent’anni, attraverso il gesto a lui più congeniale: il disegno.

Il progetto infatti si basa completamente sulla realizzazione di un’unica opera complessiva che occuperà tutte le stanze messe a disposizione all’interno del palazzo.

L’artista, attingendo ai propri “diari personali” (decine e decine di taccuini, colmi di schizzi, appunti, disegni e sensazioni) redatti intimamente negli anni, produrrà un’unica enorme “striscia” che nella sua complessità, mostrerà al pubblico l’essenza e l’anima dello stesso Maranghi.

Un mostrarsi “nudo”, senza inibizioni, per raccontare e raccontarsi oggi, dopo una lunga carriera fatta di innumerevoli consensi in Italia e all’estero.

All’interno della mostra verrà proiettato un video realizzato durante le fasi esecutive della creazione del lavoro esposto, dove i visitatori potranno meglio comprendere l’impegno e l’esercizio messo in atto da Maranghi per questo evento.

L’esposizione sarà documentata da un prezioso catalogo, realizzato con il contributo della Tecnau – sistemi di supervisione, e verrà presentato in data 20 dicembre, dove all’interno dello stesso, verranno ospitate oltre che le immagini del lavoro finito, anche le immagini del “work in progress” e le testimonianze critiche dei due curatori della mostra, Filippo Lotti e Roberto Milani, oltre al prezioso contributo critico del Prof. Ivan Quaroni e del coordinatore Alessandro Sarti.

La mostra verrà inaugurata il giorno 29 novembre alle 17'00 alla presenze del Presidente della Provincia di Firenze, Andrea Barducci e con la partecipazione straordinaria del Direttore della Galleria degli Uffizi, Antonio Natali.

---------------------------------------------- 

Strlacio dal testo di Ivan Quaroni


Giovanni Maranghi. Una storia in bianco.

di Ivan Quaroni 
“Il disegno è l’arte di condurre una linea a fare una passeggiata.”
(Paul Klee)
-->...In questi quaderni, pensati come una specie di diario visivo, lo stile di Maranghi si esprime in assoluta liberta, senza i vincoli formali della sua opera maggiore, cedendo a un gusto bozzettistico e caricaturale, dove l’immediatezza della notazione coglie il lato comico, buffo o perfino poetico della quotidianità, traducendo in un linguaggio semplice e sintetico un meraviglioso almanacco di personaggi e situazioni in bilico tra realtà e fantasia. I quaderni di Maranghi, infatti, più che una raccolta documentaria di fatti minimi, costituiscono un’antologia immaginifica, un catalogo sragionato - verrebbe da dire -, in cui la realtà prosaica assume aspetti imprevisti, inconsueti, secondo una logica trasfigurativa, che richiama alla memoria tanto le vignette satiriche quanto certi fantasiosi bestiari surrealisti in cui paesaggi e oggetti paiono animarsi e assumere i tratti inconfondibili del volto umano. Maranghi usa la deformazione, l’ipertrofia, l’antropomorfismo come strumenti di un racconto ininterrotto, in cui però ogni singolo episodio ha un valore autoconclusivo, in qualche modo definitivo... 


---------------------------------------------

SCHEDA TECNICA

Genere: 
mostra personale

Artista: 
Giovanni Maranghi

Titolo: 
“UNA STORIA IN BIANCO”

A cura di: 
Filippo Lotti e Roberto Milani

Coordinamento di: 
Alessandro Sarti

Inaugurazione: 
sabato 29 novembre 2014, ore 17.00 (ingresso libero)

Finissage: 
sabato 20 dicembre 2014, ore 17 (ingresso libero)

Luogo: Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 3 – Firenze (Sede della Provincia di Firenze)

Periodo: 
30 novembre 2014 – 7 gennaio 2015

Orari: 
Tutti i giorni (chiuso il mercoledì) dalle 8.30 alle 19. Ingresso a pagamento, ticket Palazzo.

Organizzazione e allestimento: 
Casa d'Arte San Lorenzo

In collaborazione con: 
C.R.A. - Centro Raccolta Arte

Patrocini: 
Comune di Firenze, Provincia di Firenze, Comune di Signa

Sponsor tecnici: 
Azienda Vinicola Le Coste Rufina; Cores Resine; “Forme d’Arte” di Paolo Piacenti; Fotolito Toscana; Global Service X-man; Tecnau – sistemi di supervisione
Media partner: Radio Bruno Toscana

Ufficio stampa: 
FuoriLuogo – servizi per l’Arte

Apparato mediatico: 
Viacheslav Zakharov (video), Guglielmo Meucci (foto)

Info: 
galleria@arte-sanlorenzo.it - 0571 43595 – www.arte-sanlorenzo.it

Catalogo con il testo critico di Ivan Quaroni e il contributo di Roberto Milani, Filippo Lotti, Alessandro Sarti



Nessun commento:

Posta un commento