RITENGO CHE SIA DOVERE DI CHIUNQUE E A MAGGIOR RAGIONE DI NOI ITALIANI, FARE DI TUTTO PER PROMUOVERE, SALVAGUARDARE E DIVULGARE L'ARTE IN TUTTE LE SUE ESPRESSIONI.
UNA SOCIETA' DISTRATTA SUI FATTI DELL'ARTE E' UNA SOCIETA' VOTATA ALL'IMPOVERIMENTO... E NOI, DA QUESTO PUNTO DI VISTA, LO SIAMO GIA' ABBASTANZA!






Vota questo blog

Siti

sabato 18 febbraio 2012

ARCHIPITTURE - OMAGGIO A VASARI

L'omaggio di 16 artisti, fra cui Andrea Granchi, Gianni Cacciarini e Roberto Barni, reso a Giorgio Vasari. Dove? a Firenze. Per gli amanti delle "cose serie".

L’Accademia delle Arti del Disegno celebra il suo fondatore Giorgio Vasari nei 500 anni dalla nascita:

“ARCHIPITTURE”: 16 artisti accademici in mostra dal 18 febbraio


Firenze, 14 febbraio 2012 – S’inaugura sabato 18 febbraio alle 17.00 a Firenze presso la Galleria Pio Fedi (via de’ Serragli, 99) la mostra Archipitture, con cui gli artisti dell’Accademia delle Arti del Disegno rendono omaggio a Giorgio Vasari nel quinto centenario della nascita con opere che spaziano tra le diverse arti figurative. La gloriosa istituzione, fondata dallo stesso Vasari nel 1563 (con la presidenza di Cosimo I de’ Medici e Michelangelo Buonarroti) avviò nel 1998, su iniziativa di Francesco Adorno, un ciclo di mostre oggi più florido che mai, grazie allo sforzo congiunto dell’attuale presidente Luigi Zangheri e di Polistampa, che ne realizza i cataloghi. Invece della consueta Sala delle Esposizioni di piazza San Marco sono stati scelti come sede per questa sessantasettesima edizione i locali della casa editrice posti nell’ex chiesa di Santa Chiara, eretta nel 1493 da Giuliano da Sangallo e divenuta nell’Ottocento lo studio di un altro illustre accademico, lo scultore Pio Fedi.
Archipitture, curata da Roberto Giovannelli, ospita dipinti, disegni e sculture di sedici artisti appartenenti alla Classe di Pittura dell’Accademia che celebrano, ognuno con tre opere, la produzione del Vasari, elaborandola e adattandola al contesto e alla sensibilità moderna, anche attraverso un gioco di citazioni e commistione dei linguaggi artistici. “L’esposizione”, scrive il critico Alessandro Vezzosi nel catalogo della mostra, “avrebbe potuto limitarsi a una mostra-omaggio, che spesso significa retorica e persino banalità. Presenta invece un intreccio di riflessioni sull’opera di Vasari e di triangolazioni con la sua attualità, in un nodo di esperienze: quelle che i sedici artisti hanno maturato intensamente per decenni anche sui rapporti pittura-cultura-società, sull’architettura vissuta e l’ambiente urbano”.

Le opere di ROBERTO BARNI, CARLO BERTOCCI, ADRIANO BIMBI, UMBERTO BUSCIONI, GIANNI CACCIARINI, RODOLFO CECCOTTI, RAOUL DOMINGUEZ, MARIO FALLANI, ROBERTO GIOVANNELLI, ANDREA GRANCHI, ROMANO MASONI, VAIRO MONGATTI, ALBERTO MORETTI, VITORIO TOLU, PIERO TREDICI e PIERO VIGNOZZI resteranno esposte fino al 3 marzo, tutti i giorni con orario 16-19, info 055 7378736.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento